CHE COS'È L'ALLUCE VALGO?

22/02/2016

L'alluce valgo è una deformazione del piede, che si manifesta con l’allontamento della testa del I metatarso  (l’osso sul quale si articola la falange del primo dito del piede) che con il passare del tempo sporge sempre più verso l’interno causando una borsite, ovvero l’infiammazione dei tessuti circostanti. 

Lo slittamento del metatarso si accompagna alla deviazione dell’alluce verso le altre dita, talvolta così pronunciata da coinvolgere anche il secondo e il terzo dito, favorendo l’insorgere di deformità anche in queste ultime.

Dal punto di vista epidemiologico c’è un rapporto fra maschi e femmine di 1:3, specialmente intorno ai 45-55 anni nei periodo pre-menopausa.

Perché si forma?

Le cause che portano a questa deformità del piede sono molteplici. Erroneamente si parla di ereditarietà, capita spesso sentire negli studi medici e podologici: “è un regalo di mia mamma...”, ma è più esatto parlare di predisposizione ereditaria, lassità legamentosa e dei muscoli (specialmente i flessori e della volta plantare), oppure un piede piatto mal trattato durante l’adolescenza, traumi ripetuti..

La clinica

Inizialmente l’alluce valgo si manifesta soltanto con lievi fastidi, quali arrossamento e gonfiore nell’area interna dell’avampiede quando sfrega contro la calzatura soprattutto se si indossano scarpe strette o con il tacco alto.

Con l’andare del tempo questi disturbi, dovuti all’infiammazione dell’area, tendono a diventare cronici e peggiorare, con la formazione di una protuberanza sempre più accentuata e lesioni osteoarticolari.

In questa situazione le normali forze che agiscono sul piede non sono più distribuite in modo corretto e non è raro che si formino calli.

Il dolore che compare sotto il piede e sul lato interno, dovuto alla borsite e alla progressiva deformazione dell’articolazione metatarsale, nonché alle callosità, con il tempo diviene sempre più intenso fino a impedire il contatto con qualunque tipo di scarpa e a limitare drasticamente il cammino. Finché, alla fine, diviene indispensabile l’intervento chirurgico.  

Come curarlo?

Il trattamento nelle fasi iniziali è quello dell’utilizzo della calzatura giusta, con suola biomeccanica con punto di rotolamento anticipato di 8-10 mm a livello delle teste metatarsali. Importante è la tomaia automodellante che permette di ridurre gli sfregamenti e le frizioni a livello delle prominenze ossee, e utile risulta l'utilizzo di un plantare personalizzato che vada a contenere o correggere  le eventuali alterazioni biomeccaniche e scaricare aumentando la superficie d’appoggio nelle zone di iperpressione.

È possibile fare attività fisica?

L'attività fisica moderata è possibile, l'importante è calzare scarpe che abbiano un volume interno maggiorato che permettano di alloggiare l'alluce valgo e le relative deformità, evitando sfregamenti e dolore.

Altri articoli

LA CELLULITE: L'INCUBO DI TUTTE LE DONNE

20/09/2016

Dalla casalinga di alla star di Hollywood è l’incubo di tutte le donne,  la cellulite:  è un aumento di volume delle cellule adipose, ovvero di un accumulo di grassi in zone specifiche e circoscritte, prevalentement...

Leggi tutto

ATTIVITÀ MOTORIA E SOVRAPPESO

09/09/2016

In Italia più del 40% dei pazienti è in sovrappeso. Le cause principali sono da attribuire a uno stile di vita sempre più sedentario, e al consumo di cibi cosiddetti spazzatura, inoltre un peso eccessivo, rispetto al peso ideale...

Leggi tutto

PIEDE DIABETICO, QUALE PREVENZIONE?

30/06/2016

La miglior arma a disposizione del paziente diabetico per evitare le ulcerazioni al piede è la prevenzione. Il diabete danneggia la struttura del nervi, portando il paziente ad avere una  alterata sensibilità fino ad una completa a...

Leggi tutto