DISTORSIONE DI CAVIGLIA: QUALI ESERCIZI?

14/03/2016

Una banale distorsione di caviglia se trascurata può comportare una serie di problemi a carico dell’apparato muscolo scheletrico e posturale. La letteratura indica che durante  la prima settimana di immobilizzazione la perdita di forza giornaliera può arrivare fino al 4% (Appel, 1990) per ogni giorno di immobilizzazione. Da tali indicazioni si desume l’importanza di intraprendere il piano riabilitativo il più presto possibile.

Nelle fasi inziali è importante contenere il dolore e l’edema presente; la fisioterapia strumentale (TECAR, ultrasuoni, Laser...) ha la funzione di alleviare la sintomatologia e ripristinare la zona colpita dall’evento traumatico. Alla terapia fisica, si associa anche la terapia fisioterapica manuale, mobilizzando l’arto leso sotto soglia di dolore, associato a massoterapia dei muscoli della gamba e coscia.

A risoluzione dell’edema e del dolore, si inizia con esercizi specifici per la riabilitazione propriocettiva e funzionale, che il paziente eseguirà anche a casa propria.

Esercizi muscolari

Essi permettono di ridare la forza ai muscoli che sorreggono l'articolazione interessata, si dividono in:

 

Esercizi isometrici

Spingere la caviglia in su e verso l’esterno contro resistenza, eseguire il movimento contrario (verso il basso e l’interno), per 10 secondi ,10 ripetizioni.

 

Esercizi isotonici

Utilizzando un elastico legato a una superficie stabile (es. gamba del tavolo), spingere il piede per 10 volte verso il basso e tornare indietro, eseguire lo stesso movimento flettendo il piede dorsalmente, ruotandolo verso l’interno e l'esterno, eseguendo 3 ripetizioni per ogni movimento.

 

Esercizi propriocettivi

La ginnastica propriocettiva è fondamentale perché un buon controllo neuro-muscolare è utile come prevenzione per eventuali altre distorsioni. Si utilizza una tavoletta quadrata, con al di sotto un semi-cilindro che la rende instabile. La scopo dell’esercizio è quello di non perdere l’equilibrio, nelle fasi iniziali si può utilizzare una punto di “aiuto" (es. parete) per mantenere la posizione eretta, lasciando prima una mano poi l’altra cercare di mantenere la tavoletta diritta, 2 ripetizioni per circa 7 minuti.

Altri articoli

LA CELLULITE: L'INCUBO DI TUTTE LE DONNE

20/09/2016

Dalla casalinga di alla star di Hollywood è l’incubo di tutte le donne,  la cellulite:  è un aumento di volume delle cellule adipose, ovvero di un accumulo di grassi in zone specifiche e circoscritte, prevalentement...

Leggi tutto

ATTIVITÀ MOTORIA E SOVRAPPESO

09/09/2016

In Italia più del 40% dei pazienti è in sovrappeso. Le cause principali sono da attribuire a uno stile di vita sempre più sedentario, e al consumo di cibi cosiddetti spazzatura, inoltre un peso eccessivo, rispetto al peso ideale...

Leggi tutto

PIEDE DIABETICO, QUALE PREVENZIONE?

30/06/2016

La miglior arma a disposizione del paziente diabetico per evitare le ulcerazioni al piede è la prevenzione. Il diabete danneggia la struttura del nervi, portando il paziente ad avere una  alterata sensibilità fino ad una completa a...

Leggi tutto