ALLUCE VALGO: QUALE RIABILITAZIONE POST CHIRURGIA?

13/05/2016

Prima di intraprendere un percorso riabilitativo post chirurgico, è opportuno che il paziente esegua una valutazione pre-operatoria da parte del terapista, in modo da migliorare le complicanze post operatorie e avere risultati a lungo termine. Durante la valutazione pre-operatoria il terapista deve stabilire il livello funzionale del paziente, valutando l’arco di movimento, la biomeccanica, articolare, la potenza muscolare, la deambulazione, la postura e l’equilibrio; inoltre la valutazione pre-operatoria permette al paziente di imparare a eseguire correttamente gli esercizi post operatori.

Dividiamo la riabilitativa post chirurgica in 3 fasi.

La prima:
fase di massima protezione, inizia il giorno successivo all’atto chirurgico. La protezione del tessuto operato è predominante, data la presenza del dolore e infiammazione tissutale verranno eseguiti dei movimenti passivi dell’articolazione della caviglia del ginocchio e dell’anca.
Uno dei principali obiettivi della riabilitazione in fase post acuta è minimizzare la risposta infiammatoria postoperatoria.

La seconda fase:
fase di moderata protezione, è la fase intermedia della riabilitazione, nella quale l’infiammazione è terminata, il dolore e la dolenzia sono minimi ed i tessuti sono in grado di sopportare livelli di stress gradualmente crescenti.
I punti chiave del trattamento in questa fase sono il rinforzo muscolare e il recupero sensomotorio mediante l’utilizzo di tavolette instabili, per riacquistare lo schema motorio del passo.

La terza fase:
fase di minima protezione, è la fase in cui il dolore è pressoché assente e si è ristabilita una buona mobilità articolare. Il terapista eseguirà dei movimenti completi della zona anatomica trattata chirurgicamente e di tutto il piede; esercizi propriocettivi e di rinforzo muscolare dei muscoli della gamba e piede.

In conclusione il trattamento riabilitativo post chirurgico dell’alluce valgo permette una più precoce risoluzione dell’edema, il rilassamento muscolare ed una migliore flessibilità dell’articolazione evitando così la rigidità articolare; inoltre la rieducazione alla deambulazione permette di eliminare gli atteggiamenti di compenso in supinazione (verso l’esterno) che il paziente ha adottato prima dell’intervento per cercare di limitare il dolore.

Altri articoli

LA CELLULITE: L'INCUBO DI TUTTE LE DONNE

20/09/2016

Dalla casalinga di alla star di Hollywood è l’incubo di tutte le donne,  la cellulite:  è un aumento di volume delle cellule adipose, ovvero di un accumulo di grassi in zone specifiche e circoscritte, prevalentement...

Leggi tutto

ATTIVITÀ MOTORIA E SOVRAPPESO

09/09/2016

In Italia più del 40% dei pazienti è in sovrappeso. Le cause principali sono da attribuire a uno stile di vita sempre più sedentario, e al consumo di cibi cosiddetti spazzatura, inoltre un peso eccessivo, rispetto al peso ideale...

Leggi tutto

PIEDE DIABETICO, QUALE PREVENZIONE?

30/06/2016

La miglior arma a disposizione del paziente diabetico per evitare le ulcerazioni al piede è la prevenzione. Il diabete danneggia la struttura del nervi, portando il paziente ad avere una  alterata sensibilità fino ad una completa a...

Leggi tutto